restauro_madonna

È ormai giunta a conclusione la prima fase delle operazioni di indagine e restauro condotte sulla statua in tela gessata rappresentante la Madonna con bambino che, gravemente danneggiata nel crollo della Collegiata di Santa Maria Maggiore in Pieve di Cento, durante il disastroso terremoto del maggio 2012, fu immediatamente scelta, in accordo con la Soprintendenza, come destinataria di un intervento urgente finanziato dalla Società di Santa Cecilia.

Affidato al LabOratorio degli Angeli di Bologna, il lavoro si è presentato complesso a causa della gravità del danno e per la tipologia inconsueta dei materiali ed ha richiesto indagini   molto accurate preliminari alla scelta delle modalità di intervento.

Gli studi e le ricerche che hanno accompagnato il primo lotto di lavori sarà illustrato dall’autrice del restauro, prof. Camilla Roversi-Monaco, e dal funzionario responsabile della Soprintendenza, dott. Elena Rossoni, in un incontro riservato ai Soci che si terrà prossimamente presso il LabOratorio degli Angeli.

madonna_chiesa_terremoto