La Società di Santa Cecilia sostiene una iniziativa avviata dall’Accademia Clementina in collaborazione con l’Accademia delle Scienze, che apre uno spazio di discussione, articolato in più cicli di Seminari, sulla Gestione dell’Arte Moderna e Contemporanea.
L’obiettivo è quello di stimolare una riflessione concreta sui cambiamenti e sulle innovazioni attuabili per rendere il sistema italiano più produttivo, sostenibile ed efficiente.
Si tratta di una serie di incontri su temi specifici, realizzati con approccio multidisciplinare attraverso il lavoro di gruppi di studiosi di ambiti diversi (critici e storici dell’arte, architetti ed urbanisti), con l’interazione di giuristi ed economisti che intervengono via via nel corso della trattazione, affrontando uno per uno i problemi che affliggono la gestione della Cultura dell’Arte nell’età contemporanea, con la finalità di determinare le caratteristiche di quelle che dovrebbero essere le politiche e le produzioni normative più adeguate per la salvaguardia del patrimonio culturale.

Il tentativo di realizzare, attraverso una piazza aperta alla discussione, una riflessione seria sul tema della gestione delle Istituzioni culturali, dalla valorizzazione del nostro grande patrimonio, alla distribuzione delle risorse pubbliche e l’intervento del privato, porta ad immaginare che si possa disegnare un nuovo impegno riformatore della classe dirigente italiana, guardando alle esperienze positive altrove consolidate, nella convinzione che sia possibile mutuare prassi e modelli di governance adeguati.
Lo sforzo d’integrazione fra le diverse discipline ai più elevati livelli accademici e professionali che emerge a prima lettura dal programma che segue, dimostra un interesse trasversale su questi temi, utile per la comprensione più profonda degli argomenti trattati, con riguardo soprattutto all’Arte Contemporanea: problemi come la qualificazione del graffitismo e il ruolo dell’ecologia nella rappresentazione artistica lo dimostrano; per non parlare dell’incontro destinato alle nuove modalità di finanziamento.
La stretta e proficua collaborazione con la Fondazione Forense, la Fondazione Commercialisti ed il Consiglio dell’Ordine degli Architetti ha permesso di rendere la formulazione di queste tematiche attuale e concreta, motivo per cui i seminari, pur destinati in un primo tempo ai professionisti iscritti ai rispettivi albi, sono stati aperti anche ad altre categorie di operatori e a tutto il pubblico interessato.

PROGRAMMA

1) 9 aprile, Accademia di Belle Arti, Aula Magna via Belle Arti 54, ore 17.30/19.30
Saluti: Proff. Andrea Emiliani, Fabio Roversi Monaco, Enrico Fornaroli e Avv. Stefano Dalla Verità
GRAFFITISMO FRA ARTE E DIRITTO. QUALI CONFINI.
Prof. Luca Ciancabilla e Prof. Marco Dugato

2) 16 aprile, Accademia delle Scienze, Sala Ulisse, via Zamboni 33, ore 17.00/19.30
GESTIONE E TUTELA DEI BENI ARTISTICI E CULTURALI IN EUROPA.
Prof.Andrea Emiliani e Avv. Giulio Volpe
Seguirà un intervento dell’Assessore al Comune di Bologna, Dottor Alberto Ronchi:
PROBLEMATICHE APPLICATIVE DELLA GESTIONE della CULTURA NELLA CITTA’ di BOLOGNA.

3) 23 aprile, Accademia delle Scienze, Sala Ulisse, via Zamboni 33, ore 17.30/19.30
FUMETTO E COMUNICAZIONE. PROFILI DI DIRITTO D’AUTORE
Enrico Fornaroli e Prof. Alberto Musso

4) 30 aprile, Accademia di Belle Arti, Aula Magna via Belle Arti 54, ore 17.30/19.30
ARTE E AMBIENTE. LE IMPLICAZIONI DI DIRITTO.
Prof. Maria Rita Bentini e Prof. Giuseppe Piperata

5) 7 maggio, Accademia delle Scienze, Sala Ulisse, via Zamboni 33, ore 17.30/19.30
ARTE E MERCATO. IL RUOLO DELLE ASTE E DELLE FIERE, IL RUOLO DELLA FINANZA.
Prof. Silvia Evangelisti e Prof. Francesco Vella

6) 14 maggio, Accademia di Belle Arti, Aula Magna via Belle Arti 54, ore 17.30/19.30
PROBLEMI DI URBANISTICA CONTEMPORANEA.
Prof. Pierluigi Cervellati e Prof. Marco Dugato

MODERANO GLI INCONTRI L’AVV. SANTA D’INNOCENZO E IL DOTT. MARCO FRANCESCHINI.